Torna a Eventi FPA

Speakers

Federica Incocciati

Incocciati

Dal 2008 lavora nell'Unità Assistenza Tecnica della Sogesid S.p.A. presso il Ministero dell’Ambiente occupandosi di gestione di rifiuti con particolare riferimento alle tematiche della prevenzione e dell’economia circolare. In ambito comunitario, ha collaborato attivamente ai lavori in sede di Consiglio dell’ Unione europea relativi alla revisione della normativa rifiuti del pacchetto “economia circolare”. Più recentemente è stata coinvolta nel negoziato relativo alla proposta di direttiva sulle “plastiche monouso”. In ambito internazionale segue in particolare le attività ministeriali a livello G7 e G20, curando la partecipazione della Direzione generale per i rifiuti e l’inquinamento in tali processi.

Questo relatore nel programma congressuale

martedì, 22 Maggio 2018

15:00
16:00

Quanto, come, dove e perché sprechiamo cibo. Cosa è possibile fare a livello locale per prevenire e ridurre il fenomeno[ws.19]

Stand:

La FAO stima che circa 1/3 della produzione alimentare globale viene persa o sprecata lungo il tragitto che compie dal campo alla tavola. Nel 2015, le Nazioni Unite hanno approvato i nuovi “Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile” da raggiungere entro il 2030. Il dodicesimo obiettivo evidenzia la necessità di ridurre lo spreco di cibo al fine di aumentare la sostenibilità dei sistemi alimentari da un punto di vista ambientale, economico e sociale. La prevenzione e riduzione delle perdite e degli sprechi sono infatti uno degli strumenti di cui si dispone per il contenimento della pressione esercitata dai sistemi di produzione sulle risorse naturali. L’esigenza di intervenire in modo tempestivo non è legato solo alle implicazioni etiche che comporta lo spreco di un bene come il cibo, ma anche ai costi socio-economici correlati e soprattutto alle conseguenze ambientali causate da un tale sperpero di risorse naturali, l’inquinamento dell’ambiente e l’emissione in atmosfera di gas a effetto serra.

Quindi centrale è la sensibilizzazione sui temi legati allo spreco di cibo e l’educazione alimentare che passano anche e soprattutto attraverso gli esempi concreti di buone pratiche: conoscerli, valorizzarli e promuoverli è certamente un passo determinante verso la riduzione degli sprechi alimentari e una maggiore consapevolezza dei consumatori nell’approccio al cibo, dall’acquisto alla sua conservazione. Proprio in quest’ottica che in questo seminario si parlerà di spreco alimentare.

Torna all'elenco dei Relatori