Torna a Eventi FPA

partner

ARUBA PEC

Il gruppo Aruba, di cui fanno parte Actalis ed Aruba PEC, nasce nel 1994 con la creazione di Aruba S.p.A.

Actalis S.p.A, società del Gruppo Aruba da marzo 2009, Gestore PEC Certificato e Certification Authority accreditato presso l’AgID, opera insieme ad Aruba PEC (altra Certification Authority del gruppo) offrendo prodotti e servizi rivolti ad un’utenza business, sia pubblica che privata, tra cui servizi di firma digitale, posta elettronica certificata, conservazione sostitutiva e soluzioni di autenticazione e certificazione.

Aruba S.p.A. è la prima società in Italia per i servizi Web. La società propone 4 principali ambiti di servizi: Hosting e Domini, e-Security, Cloud e servizi Data Center.

La società è anche attiva sui principali mercati europei quali Francia, Inghilterra e Germania e vanta la leadership in Repubblica Ceca e Slovacchia ed una presenza consolidata in Polonia e Ungheria.

Aruba gestisce oltre 2,1 milioni di domini, oltre 7,4 milioni di caselle e-mail, oltre 5 milioni di caselle PEC, oltre 31.000 server ed un totale di oltre 4,7 milioni di clienti. In aggiunta ai servizi di web hosting, dal 2011 ha ampliato la sua offerta con servizi Cloud.

Aruba ha una grande esperienza nella gestione dei data center disponendo di un network europeo in grado di ospitare circa 100.000 server.


E' partner di

martedì, 22 maggio 2018

11:45
13:45

Servizi online e nuovi diritti di "cittadinanza digitale"[co.09]

Sala: Sala 4

Secondo i dati del DESI, anche nel 2017 l'Italia si conferma il Paese europeo con il maggiore divario tra disponibilità dei servizi on line della PA (in linea con la media europea) e loro effettivo utilizzo da parte di cittadini e imprese. L'Italia si posiziona infatti terzultima nell'UE a 28 per percentuale di utenti di servizi di eGov sul totale di utilizzatori di internet (16%, a fronte di una media UE del 34%).

Prestazioni non certo lusinghiere, riconducibili principalmente alla scarsa usabilità dei servizi, alla poca chiarezza percepita dall’utente, all’eccessiva rigidità delle soluzioni adottate e alla scarsa mobile friendliness dei portali della PA italiana (secondo i dati dell’eGov Benchmark 2017, solo il 36% dei portali delle amministrazioni italiane forniscono servizi online attraverso interfacce adattive ai device mobili, a fronte di una media europea del 54%).

Per far fronte a questa situazione, nel 2017 AgID e Team Digitale hanno avviato una serie di azioni volte a semplificare lo sviluppo e l’utilizzo dei servizi online della PA, attraverso la definizione di regole comuni per la progettazione di interfacce, servizi e contenuti. Ne sono testimonianza la nascita delle community Developers e Designers Italia e il versionamento continuo delle Linee guida di design per i servizi e i siti della PA. Azioni cui farà seguito la realizzazione di nuovi strumenti e toolkit per lo sviluppo di applicazioni e servizi digitali della PA, come previsto dal Piano triennale per l’ICT nella PA.

Il combinato disposto delle iniziative volte al miglioramento della user experience del cittadino e alla diffusione delle Piattaforme abilitanti promette quindi di apportare un beneficio concreto in termini di miglioramento dell'offerta di servizi digitali. Sarà quindi fondamentale protrarre gli sforzi intrapresi in questi ultimi anni anche nella prossima legislatura, in modo da rendere effettivi i diritti di cittadinanza digitale sanciti e ulteriormente rafforzati dal recente intervento correttivo al CAD.

mercoledì, 23 maggio 2018

09:30
11:30

Nuovi paradigmi su sicurezza informatica e privacy[tl.02]

Sala: Area lavoro

Lo sviluppo di capacità appropriate di prevenzione alle minacce cyber e di gestione e risposta agli incidenti informatici passa necessariamente dall’adeguamento alle nuove normative di settore (misure minime AgID, GDPR, nuovo CAD, ecc.). È necessario mantenere costante l’attenzione verso adeguati standard di sicurezza e di tutela dei dati e delle informazioni, adottando soluzioni organizzative e tecnologiche in grado di garantire nel tempo il mantenimento dei necessari livelli di compliance.

 

L'evento è riservato, per inviare una richiesta di partecipazione scrivere a info@forumpa.it indicando il nome, la funzione, l'ente di appartenenza e il titolo del tavolo a cui si vuole partecipare

mercoledì, 23 maggio 2018

11:45
13:30

PEC e domicilio digitale[co.44]

Sala: Sala 7

L’elezione di un domicilio digitale per ogni impresa, professionista o cittadino è considerato un presupposto irrinunciabile per la trasformazione digitale del Paese. Proprio per questo, il domicilio digitale è stato uno dei principali protagonisti del recente intervento di aggiornamento del CAD. Il Decreto correttivo di gennaio 2018 ha infatti stabilito, tra le altre cose, il venir meno del collegamento tra domicilio e ANPR, da più parti considerato come il principale ostacolo all’avvio di questo importante strumento.

Senza attendere il completamento dell’ANPR, le nuove regole del CAD prevedono che ogni cittadino avrà il diritto di eleggere, a partire dalla primavera 2018, un domicilio digitale presso un qualsiasi indirizzo di posta elettronica certificata o servizio elettronico di recapito certificato, garantendosi così anche il diritto di ricevere - solo presso tale indirizzo - ogni notifica o comunicazione avente valore legale dalla Pubblica Amministrazione.

Sono sicuramente molte le cose ancora da fare, dalla costituzione del registro dei domicili digitali dei cittadini alla previsione delle modalità alternative per coloro che non sono in grado di accedere direttamente a un domicilio. Nel frattempo, è fondamentale che le amministrazioni comprendano appieno la portata di questo cambiamento che, oltre a favorire l’abbattimento dei costi delle comunicazioni verso gli utenti, con risparmi di milioni di euro l’anno, contribuirà notevolmente a semplificare l’interlocuzione tra PA e cittadini, che potranno ricevere le comunicazioni che lo riguardano sui propri PC, smartphone e tablet, con effetti positivi anche in termini di effettivo utilizzo dei servizi online della PA.

Torna alla lista dei Partner