Torna a Eventi FPA

partner

Presidenza del Consiglio dei Ministri

06.6779.1

E' partner di

martedì, 22 maggio 2018

12:00
13:30

Le Scienze comportamentali nella Pubblica Amministrazione: testimonianze e riflessioni di un percorso sperimentale sull’applicazione di nuove tecniche organizzative.[ws.118]

Stand: Sala presso Area Expo Presidenza del Consiglio dei Ministri

Le Scienze comportamentali sono da considerarsi come protagoniste di un nuovo varco verso un modo di amministrare alternativo, facendo leva su meccanismi psicologici e relazionali che sono presenti in ogni momento dell’attività pubblica e privata, quando si deve negoziare, cooperare, coordinare.

Dall’America all’Europa, il passo della crescita delle teorie comportamentali nell’ambito delle attività istituzionali ha avuto un incremento rilevante.

Dirigenti e funzionari della Presidenza del Consiglio dei Ministri e di altre Amministrazioni pubbliche hanno realizzato un percorso formativo fondato sulle applicazioni delle scienze comportamentali rispetto al decision making amministrativo, basandosi su approcci innovativi, che permettono di considerare nuovi modelli e processi decisionali degli individui e dei gruppi, delle organizzazioni e delle amministrazioni.

Il workshop, segna un interessante momento di scambio di testimonianze, di esperienza vissuta durante il percorso formativo sia nel valutare progettualità sperimentali ed esclusive che nel condividere una esperienza che punta verso l’alba di una nuova cultura organizzativa.

In particolare il Dipartimento per gli Affari Regionali e le Autonomie della Presidenza del Consiglio, nella figura dei vertici istituzionali, ha colto l’importanza di un nuovo processo evolutivo istituzionale, da valutare nel rispetto delle leggi e dei meccanismi procedurali attuali, con il fine di offrire una alternativa organizzativa che tuteli gli interessi pubblici.

A causa delle numerose registrazioni, le iscrizioni sono state chiuse.

 

martedì, 22 maggio 2018

14:30
16:15

Il Servizio civile da nazionale ad universale[ws.122]

Stand: Sala presso Area Expo Presidenza del Consiglio dei Ministri

Nell’ambito della Riforma del Terzo settore, con il D.lgs 6 marzo 2017, n. 40, entrato in vigore il 18 aprile 2017, è stato istituito e disciplinato il Servizio civile universale, a 16 anni esatti dalla nascita del Servizio civile nazionale.

Obiettivo principale della Riforma è far sì che il Servizio civile sia un’esperienza aperta a tutti i giovani che chiedono di farla, così da renderlo concretamente “universale”. Una scelta che ha riconosciuto nell’impegno dei giovani nel Servizio civile un esercizio straordinario di cittadinanza attiva, un’occasione di incontro e di dialogo tra generazioni, uno strumento per rafforzare il legame tra giovani e istituzioni democratiche, una forma particolare e unica di partecipazione alla tutela del bene comune. Molte le novità rispetto a quanto previsto nel 2001: dalla diversa ripartizione dei compiti tra i soggetti istituzionali coinvolti ai settori di intervento, dalla programmazione triennale all’innalzamento degli standard qualitativi, dal monitoraggio e valutazione dell’impatto degli interventi sui territori al nuovo Albo degli enti di servizio civile universale, dall’apertura alla partecipazione dei giovani stranieri alla riorganizzazione delle forme di rappresentanza degli enti e dei volontari. Numerose poi le nuove opportunità per i giovani, con la maggiore flessibilità del servizio in termini di durata, il riconoscimento e la valorizzazione delle competenze acquisite, l’introduzione di tre mesi all’estero anche per chi è impegnato in progetti in Italia, il tutoraggio finalizzato alla facilitazione dell’accesso al mercato del lavoro. Tante le parola chiave: solidarietà, trasparenza, partecipazione, semplificazione, sussidiarietà orizzontale.

Ad un anno dalla Riforma, vogliamo fare il punto sul percorso fatto, sui primi risultati raggiunti, sulle problematiche emerse, sulle soluzioni individuate, sulle prospettive di crescita.

martedì, 22 maggio 2018

16:15
18:30

Sportello PerlaPA 2018[ws.148]

Stand: Sala presso Area Expo Presidenza del Consiglio dei Ministri

Il decreto legislativo 165/2001, recependo le modifiche apportate dal d.lgs. 75/2017, impone che le pubbliche amministrazioni comunichino, per gli incarichi conferiti a consulenti e dipendenti a partire da gennaio 2018, i dati indicati, rispettivamente, dagli artt. 15 e 18 del d.lgs. 33/2013. A tal fine, a partire da gennaio 2018, il Dipartimento della funzione pubblica ha reso disponibile un nuovo sistema, PerlaPA 2018 , che è stato rinnovato anche nelle  modalità di registrazione delle amministrazioni. Sportello PerlaPA 2018 è uno spazio al quale le amministrazioni potranno liberamente accedere, per informazioni, chiarimenti, risoluzione di problemi e per fornire suggerimenti su futuri sviluppi del nuovo sistema. Saranno presenti funzionari del Dipartimento della funzione pubblica e operatrici del Desk tecnico PerlaPA.

mercoledì, 23 maggio 2018

09:30
11:30

Mappatura, valutazione e sviluppo delle competenze della P.A.[ws.110]

Stand: Sala presso Area Expo Presidenza del Consiglio dei Ministri

Le competenze sono state in questi anni un "totem" dello sviluppo organizzativo e dei processi di formazione, un oggetto "idolatrato". Con conseguenze non sempre felici, ma soprattutto con perdurante difficoltà di rilevare risultati concreti e utili. Molte amministrazioni hanno giustamente avviato progetti di definizione delle competenze, qualche amministrazione ha usato le mappe che ne sono sorte per progettare traiettorie di crescita. Non è ancora però definito un "protocollo" di azione tipico e specifico della PA che consenta al concetto di competenza di produrre i molti ricchi risultati che potrebbe offrire: 

a. la definizione delle attese di ruolo (e la conseguente trasparenza organizzativa)

b. l'individuazione dei profili di ruolo (ossia l'insieme delle competenze necessarie per coprire in modo efficace il ruolo)

c. l'analisi delle competenze del titolare del ruolo

d. l'identificazione e la costruzione di percorsi di sviluppo che colmino i gap tra competenze necessarie e competenze disponibili.

Il seminario vuole illustrare la recente esperienza svolta dalla SNA in Presidenza del Consiglio, con l'evidenziazione della metodologia usata, delle fasi di lavoro seguite, dei risultati raggiunti. Amministrazioni centrali (MEF, MIUR, Istat, MiBACT, ecc).

mercoledì, 23 maggio 2018

11:30
13:30

Acqua e Cambiamenti climatici: presentazione del Repertorio delle buone pratiche per la gestione del rischio idrogeologico - un’esperienza di collaborazione tra Governo Olandese e Governo Italiano[ws.123]

Stand: Sala presso Area Expo Presidenza del Consiglio dei Ministri

Accanto alle diverse attività di programmazione, attuazione e monitoraggio degli interventi di contrasto al dissesto idrogeologico, Italiasicura, sin dalle prime fasi della sua azione, ha individuato nello sviluppo qualitativo della progettazione una delle leve strategiche per una migliore governance e una migliore gestione del rischio. In tale spirito, in stretto raccordo col mondo professionale, quello tecnico-amministrativo e quello accademico, ha pubblicato, e diffuso in numerose presentazioni di carattere regionale, le “Linee Guida per le attività di programmazione e progettazione degli interventi per il contrasto al rischio idrogeologico, “.

In considerazione di questo di sviluppo avviato dal nostro governo, e in stretta sintonia con lo spirito delle linee guida italiane, il governo olandese ha inteso mettere a disposizione la propria consolidata esperienza, maturata in particolar modo nella gestione del rischio idraulico, per sviluppare insieme un agile repertorio di tipologie di intervento, ad uso del mondo tecnico-professionale, gran parte delle quali strettamente improntate a criteri di sostenibilità e a strategie win-win.

Nel corso del workshop verrà presentato il percorso di sviluppo e il prodotto realizzato, che entro il mese di giugno sarà gratuitamente a disposizione dei tecnici interessati sul sito internet di #Italiasicura .

mercoledì, 23 maggio 2018

14:00
15:45

Project financing e partenariato pubblico privato nella riforma dei contratti pubblici[ws.61]

Sala: Sala 11

L’intervento, diretto alle pubbliche amministrazioni e agli operatori del settore, sarà incentrato sulle novità normative del nuovo Codice dei contratti pubblici (d.lgs. n. 50 del 2016 e ss.mm.ii.) nell’ambito del partenariato pubblico privato e della finanza di progetto.

mercoledì, 23 maggio 2018

14:30
16:20

Finanziamenti pubblici a favore delle micro, piccole e medie imprese: loro prospettive[ws.143]

Stand: Sala presso Area Expo Presidenza del Consiglio dei Ministri

La tavola rotonda affronta i temi del sostegno alla internazionalizzazione ed alla crescita dimensionale delle micro, piccole e medie imprese italiane attraverso il rafforzamento di strumenti quali, ad esempio, la formazione specialistica, la digitalizzazione, la sostenibilità ambientale ed il ricorso ai fondi di venture capital ed al mercato azionario. Un focus sarà dedicato al ruolo di consulenza delle associazioni di micro, piccole e medie imprese per la costituzione e lo sviluppo di reti d’impresa e nel contesto dei rapporti con la Pubblica Amministrazione.

mercoledì, 23 maggio 2018

16:15
18:30

Sistema Informativo integrato del Lavoro Pubblico (SILP) - Presentazione prototipo[ws.153]

Stand: Sala presso Area Expo Presidenza del Consiglio dei Ministri

il SILP è un data warehouse di supporto alle decisioni della pubblica amministrazione in materia di lavoro pubblico, previa analisi dei fabbisogni. L'obiettivo è consentire alle PA di adottare politiche assunzionali basate su fabbisogni effettivi e non più solo su disponibilità economico-finanziarie.

giovedì, 24 maggio 2018

09:30
10:45

Le frane, elementi di fragilità delle aree interne montane[ws.90]

Stand: Sala presso Area Expo Presidenza del Consiglio dei Ministri

Circa un terzo del totale delle frane che si verificano nel nostro Paese è costituito da fenomeni a cinematismo rapido (crolli, scorrimenti e valanghe di roccia, colate rapide e scorrimenti di fango e detrito) che, per via delle elevate velocità ed energie in gioco, spesso comportano gravi conseguenze anche in termini di perdita di vite umane. Stante la variabilità dei movimenti franosi in questione, risulta necessario sviluppare un approccio multi-metodologico che, al variare della tipologia di dissesto, sia di supporto alla definizione di misure efficaci volte alla riduzione del rischio connesso. Per quanto concerne le grandi frane in roccia, assume un ruolo fondamentale la corretta previsione dello sviluppo nel tempo dei processi deformativi di versante. Per questo motivo, in questo studio si stanno effettuando analisi di serie temporali di deformazione/spostamento, dedotte da immagini satellitari ottenute tramite tecniche avanzate di interferometria SAR, con l’obiettivo di stimare il tempo di rottura del versante in tre differenti casi di studio: Monte Vettore e Vettoretto (RI), Poggio Baldi (FC) e Mount Lamet presso Moncenisio (TO). Nel caso di movimenti franosi superficiali indotti da pioggia assume invece particolare rilevanza l’attività di ricerca volta alla definizione di scenari d’innesco. Nel presente lavoro i suddetti scenari si stanno valutando tramite analisi di suscettibilità alla scala di bacino effettuate con l’ausilio di modelli numerici fisicamente basati, supportati da prove di laboratorio in canaletta sperimentale su modelli di pendio in condizioni parzialmente sature. Per questa serie di analisi è stata scelta come area di studio quella del bacino idrografico di Monterosso (SP), situato nel Parco nazionale delle Cinque Terre e particolarmente propenso al verificarsi di questi processi di instabilità gravitativa.

giovedì, 24 maggio 2018

11:30
13:30

I finanziamenti diretti dell'UE: a chi sono rivolti e come si accede[ws.144]

Stand: Sala presso Area Expo Presidenza del Consiglio dei Ministri

Il seminario approfondisce le opportunità offerte dalla programmazione europea 2014-2020 in tema di finanziamenti diretti, la proposta della Commissione europea per il periodo 2021-2027, le sinergie con i finanziamenti strutturali e gli strumenti tecnici di progettazione, le modalità per partecipare ai bandi di gara per accedere ai finanziamenti.

giovedì, 24 maggio 2018

14:30
15:30

Il Piano economico finanziario (PEF): le buone prassi per la valutazione dell’equilibrio e del riequilibrio nelle concessioni di costruzione e gestione[ws.62]

Sala: Sala 11

L’intervento, diretto alle pubbliche amministrazioni e agli operatori del settore, sarà focalizzato sulla redazione del PEF nelle procedure di project financing per la realizzazione e gestione delle opere pubbliche e di pubblica utilità, sulla ricerca dell’equilibrio economico finanziario e sulle procedure di revisione nell’ambito delle concessioni di lavori pubblici, nonché sulle tecniche di valutazione delle opere in PPP rispetto all’appalto.

giovedì, 24 maggio 2018

15:00
16:20

L’Europa digitale dei cittadini e delle imprese; collaborative economy e Solvit[ws.145]

Stand: Sala presso Area Expo Presidenza del Consiglio dei Ministri

Il seminario affronta il tema dell’economia collaborativa sotto due prospettive, quella europea e quella italiana. Sotto il profilo europeo, si esaminerà il fenomeno e le conseguenti prospettive di regolamentazione e la Comunicazione della Commissione “Un'agenda europea per l'economia collaborativa” che ha dettato gli orientamenti generali per gli Stati membri. Si analizzeranno, quindi, le caratteristiche dell’economia collaborativa in Italia e le priorità italiane nell’ambito di questo settore e, tra le iniziative settoriali esistenti, sarà presentato il progetto in corso di sviluppo TouriSMEshare coordinato dal CNR – nel contesto delle “Opportunities for European Entrepreneurs in the Sharing Economy” e delle azioni di supporto della rete EEN-Enterprise Europe Network - che mira ad identificare i principali driver che caratterizzano i modelli di business delle piattaforme collaborative nei settori del turismo e dei beni culturali in quattro Paesi: Italia, Spagna, Portogallo e Bulgaria.

La seconda parte del seminario, rivolta in particolare a imprese e agenzie per le imprese, approfondisce il tema della rete SOLVIT, il servizio gratuito per cittadini e imprese ideato per trovare soluzioni rapide a problemi transfrontalieri (non di carattere nazionale) che incontrano nel mercato interno a causa della non corretta applicazione delle norme europee da parte delle amministrazioni nazionali. Il seminario è organizzato in collaborazione con la rete europea di informazione e assistenza alle imprese Enterprise Europe Network.

Torna alla lista dei Partner