Torna a Eventi FPA

FORUM PA 2018 (22-24 maggio)

Torna alla home

  da 12:10 a 12:30

Politica di coesione e impact investing: la costruzione partenariale di uno strumento finanziario e di un modello di valutazione per mercati ad alto valore aggiunto economico e sociale [ ws.93 ]

a cura di Agenzia per la Coesione Territoriale (NUVEC)

Sala: Sala Agenzia Coesione Territoriale

Assistiamo all’emersione di un nuovo modello di crescita sostenibile nel quale interesse pubblico e privato convergono per sviluppare insieme nuovi mercati ad alto valore aggiunto economico e sociale. Sviluppo non è solo crescita economica ma crescita qualitativa che rafforza il circuito di redistribuzione della ricchezza prodotta e il benessere della collettività. Politiche pubbliche innovative basate su una co-progettazione e co-attuazione partenariale coprono quel gap di informazione e dialogo tra politica e società civile che nei paesi industrializzati è diventato un diffuso ostacolo alla crescita. Il paradigma del Social Investment e dell’innovazione sociale emerge chiaramente dalla Strategia Europa 2020 per una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva, alla cui realizzazione concorrono in modo determinante le risorse dei fondi strutturali e di investimento europei. Questo offre uno spazio di sperimentazione per la progettazione di policy e strumenti condivisi tra settore pubblico e privato per favorire la nascita di un mercato di beni comuni e di beni-servizi ad impatto sociale e ambientale. È un mercato che per evolvere ha bisogno che i principi del Social Investment e del Social Impact diventino strumenti operativi e che attorno ad essi si sviluppi un linguaggio comune condiviso tra tutti gli attori del mercato. Con questo obiettivo, si è deciso di contribuire alla definizione di un mercato italiano del Social Impact Investment. La sfida è costruire all’interno dei fondi strutturali un linguaggio condiviso per l’economia ad impatto sociale e ambientale per trasformare i concetti in driver di sviluppo.


A cura di

Programma dei lavori

Intervengono

Carosi
Daniela Carosi Componente del Nucleo di Verifica e Controllo - settore “Supporto ed accompagnamento dell'attuazione di programmi e progetti comunitari e nazionali” - Agenzia Coesione Territoriale Biografia

Daniela Armida Raimonda CAROSI è nata a Nuoro, il 10 gennaio del 1965, ha un figlio e vive a Roma. È laureata con lode in scienze politiche alla Libera Università degli Studi Sociali ed ha una specifica formazione in studi europei, in economia delle informazioni e delle comunicazioni e nella gestione degli scambi e degli investimenti internazionali.

Funzionario fuori ruolo del Ministero dello sviluppo economico, lavora dal 7 gennaio 2016 presso l’Agenzia per la coesione territoriale occupandosi in particolare del monitoraggio dell’attuazione della Strategia Nazionale di Specializzazione Intelligente, della Strategia Italiana per la Bioeconomia, della possibilità di utilizzare i metodi delle scienze cognitive e comportamentali per promuovere una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva, degli strumenti finanziari a supporto di politiche ad impatto sociale e ambientale basati su schemi di valutazione delle performance finanziaria e di impatto condivisi con gli stakeholder.

Chiudi

Ciampi
Silvia Ciampi Componente - Agenzia Coesione Territoriale Biografia

Nata a Firenze e laureata in Sociologia del lavoro presso l’Ateneo La Sapienza di Roma. Inizia nel 1987 a lavorare come consulente, nel campo dell’analisi e valutazione delle politiche pubbliche, a livello locale e centrale, privilegiando i temi dello sviluppo territoriale e dell’integrazione tra fondi. Dal 2001 è ricercatrice presso l’ISFOL (ente pubblico di ricerca, ora INAPP), membro prima della Struttura Nazionale di Valutazione FSE, poi responsabile di progetti di rilievo nazionale sulla valutazione delle politiche di coesione. 

Dal 2016 lavora presso l’Agenzia per la coesione territoriale occupandosi di monitoraggio delle priorità dell’Accordo di Partenariato 2014-20, della Rete nazionale dei Nuclei di Valutazione regionali e delle amministrazioni centrali, del monitoraggio delle prassi di innovazione sociale nell’ambito delle policy di welfare territoriale, dello sviluppo di approcci e metodi per la valutazione di impatto sociale nel quadro dei Fondi Strutturali.

Chiudi

Torna alla home