Torna a Eventi FPA

FORUM PA 2018 (22-24 maggio)

Torna alla home

  da 11:45 a 13:30

Homeland Security: modelli e tecnologie per la sicurezza integrata del territorio [ co.48 ]

Sala: Sala 7

Le differenti tipologia di minaccia che caratterizzano l’attuale contesto nazionale ed internazionale si contrappongono all'elevata aspettativa di sicurezza da parte dei cittadini, e riaccendono quindi l’attenzione sulla necessità di garantire sistemi di governo della sicurezza del territorio e delle infrastrutture critiche adeguate alle nuove sfide.

È quindi di fondamentale importanza che l’insieme degli attori coinvolti nella salvaguardia delle legalità e della sicurezza, nonché nella gestione delle emergenze e delle calamità naturali, sappia intraprendere un percorso pervasivo di innovazione e sviluppare un’unica strategia di presenza e intervento. In questo senso, le nuove generazioni per i sistemi di accesso mobile a banda larga come il LTE possono rappresentare un fattore abilitante per migliorare la produttività e la qualità del lavoro degli operatori dei servizi di pubblica sicurezza e di gestione delle emergenze, e più in generale di tutte le PA impegnate a vario titolo nelle attività di controllo del territorio.

Il convegno rappresenterà un'importante occasione di dibattito sulle soluzioni tecnologiche a supporto delle politiche integrate per la protezione dei cittadini, con l'obiettivo di favorire il confronto tra mercato e PA centrali, Forze dell’Ordine e Forze Armate, Protezione Civile, Regioni ed enti locali.


In collaborazione con

Programma dei lavori

Chairperson

Giustozzi
Corrado Giustozzi Esperto di cybersecurity - AgID Biografia

Esperto di cybersecurity. Componente del Permanent Stakeholders' Group dell'Agenzia dell'Unione Europea per la Sicurezza delle Reti e delle Informazioni (ENISA), esperto di sicurezza cibernetica presso l'Agenzia per l'Italia Digitale per lo sviluppo del CERT della Pubblica Amministrazione, componente del Consiglio direttivo di Clusit. Perito del Tribunale Penale di Roma per i crimini informatici, collabora anche da molti anni con le forze dell'ordine nel contrasto al cybercrime ed al cyberterrorismo. Membro di varie associazioni scientifiche e tecniche, componente di molteplici comitati scientifici, docente presso varie Università sui temi della sicurezza delle informazioni e della criminalità informatica, svolge inoltre un’intensa attività di divulgazione culturale della materia tenendo frequentemente conferenze e seminari specialistici. Giornalista pubblicista e membro dell'Unione Giornalisti Italiani Scientifici (UGIS), ha al suo attivo oltre mille articoli e quattro libri.

 

 

Chiudi

Intervengono

La Rosa
Antonio La Rosa al convegno "Homeland Security: modelli e tecnologie per la sicurezza integrata del territorio" - FORUM PA 2018
Antonio La Rosa Head of IM B2B - Samsung Electronics Biografia Vedi atti

Antonio La Rosa, entra in Samsung Electronics Italia nel 2003 con il compito di sviluppare il mercato B2B per la Divisone IT nell’area Centro Sud, con una particolare attenzione alle soluzioni di stampa per il mercato della Pubblica Amministrazione. Nel 2008, con l’introduzione della gamma notebook, diventa responsabile dello sviluppo del canale degli Operatori di Telecomunicazioni e assume la guida della struttura Large Account di Roma.
Dal giugno 2010 è alla direzione del B2B Department, una nuova struttura nazionale dedicata alla gestione centralizzata di tutte le attività di vendita business to business, all’interno delle Divisioni Information Technology e Telecom & Network.
Dopo un periodo passato nella struttura di Corporate Marketing a coordinare il progetto ”EXPO 2015”, nel settembre 2015 si sposta della divisione IM di Samsung assumendo la responsabilità del Canale degli Operatori di Telecomunicazione.
Da Luglio 2016 è a Capo della divisone  IM - B2B dedicata alla vendita delle soluzioni Mobile di Samsung nel mercato della PA e delle Large Enterprises.

Chiudi

Atti di questo intervento

01_co48_larosa_antonio.mp3

Chiudi

Cavaliere
Maria Cavaliere al convegno "Homeland Security: modelli e tecnologie per la sicurezza integrata del territorio" - FORUM PA 2018
Maria Cavaliere Dirigente Ufficio per i Servizi Informatici - Dipartimento dei Vigili del fuoco, del Soccorso pubblico e della Difesa civile Vedi atti

Atti di questo intervento

03_co48_cavaliere_maria.mp3

Chiudi

Galli
Vincenzo Galli al convegno "Homeland Security: modelli e tecnologie per la sicurezza integrata del territorio" - FORUM PA 2018
Vincenzo Galli Vice Capo III Reparto "Telematica" - Arma dei Carabinieri Biografia Vedi atti

Il Generale di Brigata Vincenzo GALLI è nato a Salerno nel 1956.

In possesso di laurea specialistica in Scienze della Sicurezza Interna ed Esterna conseguita presso l’Università di Tor Vergata, ha intrapreso la carriera militare nel 1976, frequentando il 159° Corso dell’Accademia Militare di Modena e la Scuola di Applicazione dei Carabinieri di Roma.

Dal 1 gennaio 2015 ricopre la carica di Vice Capo del III Reparto “Telematica” del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri ed opera da circa un trentennio nel settore ICT, ricoprendo incarichi in tutte le articolazioni funzionali del settore.

Fino al grado di Capitano ha maturato diversificate esperienze professionali nell’ambito delle Organizzazioni Addestrativa e Territoriale.

Dal 1988 al 1990 ha curato il programma di formazione interforze all’atto della costituzione delle banche dati di polizia.

Dal 1990 al 1992 ha costituito e diretto il 2° CED del Comando Generale, realizzando il primo polo nazionale per la gestione centralizzata dei sistemi a carattere logistico-amministrativo.

Nel 1993 ha frequentato il Corso d’Istituto presso la Scuola di Guerra di Civitavecchia ricoprendo, fino al 1999, le cariche di Capo Sezione dell’Ufficio Informatica del Comando Generale per attività di coordinamento, formazione e studi.

Nel 2000 ha frequentato il 7° corso di aggiornamento presso la Scuola di Perfezionamento per le Forze di Polizia.

Nel 2001 ha istituito la cattedra di Informatica presso la Scuola Ufficiali Carabinieri.

Dal 2002 al 2014 ha retto l’Ufficio Informatica e Telecomunicazioni del Comando Generale e, in tale veste, è stato responsabile della realizzazione dei programmi di ammodernamento e di mantenimento, con connessa pianificazione e gestione delle risorse finanziarie, dei sistemi informatici e di telecomunicazione impiegati per esercitare il governo elettronico dell’Amministrazione, in aderenza alle linee dettate dal Codice dell’Amministrazione Digitale e dall’Agenda Digitale Italiana, partecipando alla progettazione dei sistemi nell’ambito dei Dicasteri con i quali l’Arma ha rapporti funzionali.

È stato responsabile del progetto per la costituzione del Centro Nazionale Amministrativo dell’Arma ubicato in Chieti, per la realizzazione del primo sistema di conservazione documentale sostitutiva nell’ambito della P.A. centrale, relativamente al settore matricolare ed amministrativo. A seguito della spinta automazione dei processi del Centro, l’Arma è risultata vincitrice del Premio Innovazione ICT a SMAU Milano 2012, nella categoria “ICT nella Pubblica Amministrazione”.

Ha collaborato alle attività di analisi per la realizzazione del Sistema di Indagine (SDI) istituito presso il Dipartimento di P.S. del Ministero dell’Interno, curando anche attività seminariali  presso la Scuola di Perfezionamento delle Forze di Polizia ed ha fornito, altresì, contributo per la definizione dei requisiti tecnico-operativi relativi ai sistemi di Comando e Controllo in ambito Difesa.

Ha partecipato ai tavoli di lavoro istituiti in seno all’Agenzia dell’Italia Digitale (già DigitPA) per la definizione delle linee guida e delle regole tecniche previste dal Codice dell’Amministrazione Digitale.

  • Ha curato programmi strategici, tra i quali si segnalano:
  • l’informatizzazione  degli oltre 5.000 presidi dell’Arma;
  • la costituzione del sistema di Disaster Recovery nell’ambito del piano di continuità operativa;
  • i sistemi avanzati di controllo del territorio per le attività di prevenzione generale, investigazione ed analisi, in ottica “network centric oriented”;
  • la realizzazione del Sistema Informativo Logistico dell’Arma (SILAC);
  • programmi  finalizzati al perseguimento degli obiettivi di Legislatura per la costituzione della “Società digitale”, tra cui la Carta Multiservizi conforme alla CNS (rilasciata a favore di oltre 100.000 Carabinieri), le procedure per il rilascio del passaporto elettronico diplomatico e di servizio, il protocollo informatico e la gestione dei flussi documentali, nonchè la Posta Elettronica Certificata e tutte le progettualità afferenti ai processi di dematerializzazione.

Nel 2011 ha ricevuto dalla Direzione Generale dell’Associazione Italiana per l’Informatica ed il Calcolo Automatico (AICA) il riconoscimento della certificazione “EUCIP CHAMPION”, con il profilo “EUCIP IS Manager”, a seguito delle attività ed iniziative promosse per lo “sviluppo e l’organizzazione delle infrastrutture e l'esercizio del sistema informativo dell'Arma dei Carabinieri”.

Ha ricoperto le cariche di responsabile della fatturazione elettronica per l’Arma dei Carabinieri (nomina AgID) e di membro titolare (nomina con Decreto del Ministro dell’Interno) della Commissione Tecnica prevista dall’art. 8 della L. 121/1981 per la fissazione dei criteri e delle norme tecniche per la gestione delle informazioni e dei dati attinenti alla tutela dell' ordine e della sicurezza pubblica ed alla prevenzione e repressione della criminalità.

Chiudi

Atti di questo intervento

02_co48_galli_vincenzo.mp3

Chiudi

Calabrese
Stefano Calabrese al convegno "Homeland Security: modelli e tecnologie per la sicurezza integrata del territorio" - FORUM PA 2018
Stefano Calabrese Dirigente Responsabile Servizio informatica e sistemi per le comunicazioni - Dipartimento della Protezione Civile Vedi atti

Atti di questo intervento

04_co48_calabrese_stefano.mp3

Chiudi

Torna alla home