Torna a Eventi FPA

News

Photo by Marco Secchi on Unsplash

Energia e ambiente: il percorso a FORUM PA 2018

Si allinea agli obiettivi dell’Agenda 2030 e all’Accordo di Parigi la nuova Strategia Energetica Nazionale (SeN), adottata il 10 novembre 2017, con Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. La nuova SeN, un piano decennale con il quale l’Italia si appresta ad affrontare la scommessa sul futuro del sistema energetico, si pone l’obiettivo di rendere il sistema energetico nazionale più:

  1. Competitivo: migliorare la competitività del Paese, continuando a ridurre il gap di prezzo e di costo dell’energia rispetto all’Europa.
  2. Sostenibile: raggiungere in modo sostenibile gli obiettivi ambientali e di de-carbonizzazione definiti a livello europeo.
  3. Sicuro: continuare a migliorare la sicurezza di approvvigionamento e la flessibilità dei sistemi e delle infrastrutture energetiche, rafforzando l’indipendenza energetica dell’Italia.

La Strategia Energetica Nazionale rappresenta quindi per l’Italia non solo una decisa spinta verso la sostenibilità ma anche uno dei grandi assi di sviluppo della politica industriale da qui al 2030. L’ultimo anno è stato un anno di definizione degli obiettivi e di un percorso partecipato a cui hanno contribuito Regioni, Enti locali e oltre 250 tra associazioni, imprese e mondo della ricerca. Ne parleremo a FORUM PA 2018 nel convegno “Un’alleanza tra istituzioni ed aziende per la Strategia Energetica Nazionale”. Parteciperanno Alessandro Carettoni (Direzione Generale per il Clima e l’Energia del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare), i Presidenti di ENEA, dell’Acquirente unico e di ARERA, oltre ai rappresentanti di ANCI e di ENI.

Ricordiamo che il Target 7.3 dell’Agenda 2030 definisce che l’obiettivo da raggiungere è il “raddoppio del tasso globale dell’efficienza energetica al 2030”, i target europei prevedono una riduzione dei consumi energetici del 20% al 2020 e del 27-30% al 2030 (definito dal pacchetto Clean Energy EU 2016). In quest’ottica, la SeN prevede un investimento di 110 miliardi per efficienza energetica, 30 miliardi per reti e infrastrutture gas e elettrico, 35 miliardi per fonti rinnovabili, per un valore complessivo di 175 miliardi al 2030.

Un appuntamento del tutto particolare è invece in programma giovedì 24 maggio, in collaborazione con l’Agenzia Spaziale Italiana, dal titolo Lo spazio sostenibile: dai detriti spaziali ai satelliti intelligenti. Come possono i satelliti contribuire al perseguimento di uno sviluppo sostenibile? Un ambiente spazio intelligente sembra essere un driver fondamentale per il raggiungimento dei 17 SDGs, viste anche le funzioni di controllo dell’atmosfera, dell’inquinamento e del riscaldamento globale. È grazie ai satelliti sempre più evoluti, infatti, che ad oggi si riesce ad avere una visione chiara ed in tempo reale di ogni area del globo, anche quelle più remote e difficilmente raggiungibili altrimenti. Per tale ragione, l’evoluzione digitale dei satelliti ha consentito nel tempo una migliore gestione dei rischi e delle calamità, così come tanti sono stati i miglioramenti nelle pianificazioni delle attività agricole, ambientali ed urbane.

Segnaliamo, infine, tra gli appuntamenti in programma, significativi ed interessanti workshop organizzati in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente.

Trovate qui il programma e il link per iscrivervi a tutti i convegni, i workshop e le Academy per tutte le tre giornate.Vi aspettiamo a #forumpa2018

Photo by Marco Secchi on Unsplash