Torna a Eventi FPA

partner

DIPARTIMENTO DELLE FINANZE

Il Dipartimento delle finanze svolge le funzioni di indirizzo e di regia complessiva del sistema fiscale nazionale e dà attuazione alle direttive del Ministro in materia tributaria. La sua attività è diretta a pianificare e coordinare le strategie di politica tributaria, a verificarne l’applicazione e la valutazione degli effetti.

Il Dipartimento cura la produzione delle norme, emana direttive interpretative della legislazione tributaria e coordina l’attività delle Agenzie, che assicurano l’applicazione del sistema tributario nei confronti dei contribuenti. Monitora l’andamento delle entrate fiscali e analizza i dati statistici per la definizione e valutazione delle politiche tributarie.

Assicura, inoltre, la partecipazione dell’Italia allo sviluppo dei processi di integrazione europea e di cooperazione internazionale in campo tributario e fiscale e coordina il sistema informativo della fiscalità per favorire anche lo sviluppo e l'innovazione delle tecnologie d’informazione e comunicazione. Gestisce i servizi relativi al funzionamento della giustizia tributaria.


E' partner di

giovedì, 24 Maggio 2018

11:45
13:15

La informatizzazione del processo tributario, civile e amministrativo– evoluzioni e strategie per un modello condiviso[ws.45]

Sala: Sala Ministero Economia e Finanze

La informatizzazione del processo è oramai una realtà per tutti gli operatori della giustizia. Attualmente, l’utilizzo delle modalità telematiche è obbligatorio nel  processo civile e in quello amministrativo, mentre risulta ancora facoltativo nel processo tributario. Inoltre, a fronte di riti processuali distinti, nell’ordinamento esistono altrettante modalità telematiche di  notifica e deposito degli atti processuali. La frammentarietà delle regole tecniche nei processi, i mutamenti costanti del codice dell’amministrazione digitale, la giurisprudenza ondivaga in materia di “questioni digitale”, creano rilevanti criticità. Ciò fa sorgere l’esigenza per gli attori del processo di definire un modello di processo telematico comune a tutte le giurisdizioni. In particolare,  si tratta di individuare  istituti comuni a tutti i processi che consentano una disciplina uniforme delle procedure informatiche. Il riferimento non può che riguardare le notifiche a mezzo posta elettronica certificata, le modalità di deposito telematico degli atti processuali presso le Corti adite, e quindi la scelta tra sistemi di download o di upload, l’utilizzo della firma digitale, ecc. Lo studio di un modello condiviso si dovrebbe, infine, tradurre  nella predisposizione di principi fissati in una legge delega sui processi telematici e conseguente adozione dei decreti attuativi.

Torna alla lista dei Partner