Torna a Eventi FPA

FORUM PA 2018 (22-24 maggio)

Torna alla home

  da 11:45 a 13:30

Le Politiche di coesione di fronte alla sfida delle diseguaglianze [ co.07 ]

Sala: Sala 3

Iscriviti a questo evento

REGISTRAZIONE VIDEO DELL'EVENTO

La politica di coesione è la principale politica d’investimenti dell’Unione europea e rappresenta la risposta strategica, del tutto originale a livello globale, alle diseguaglianze presenti nei diversi territori del continente.

I Fondi strutturali hanno assunto un peso rilevante sia per le risorse in gioco, che per molti Paesi rappresentano un pezzo insostituibile delle azioni per lo sviluppo, che per il valore aggiunto dato dalla governance multilivello dei diversi programmi operativi.

Per tali ragioni opinione pubblica, territori e istituzioni guardano con crescente attenzione al dibattito in vista della proposta della Commissione sul prossimo Quadro finanziario pluriennale 2020-2027, la cui presentazione è prevista a maggio e che inciderà sulle prospettive di sviluppo delle regioni italiane nel lungo periodo. L’auspicio è che l’Europa punti ancora con decisione nel futuro al rafforzamento della solidarietà intra-europea ed alla promozione della convergenza delle regioni dell’UE, quale bene comune europeo.

Per ascoltare la registrazione integrale dell'evento cliccare i seguenti link:

prima_parte e seconda_parte

Programma dei lavori

Chairperson

Mochi Sismondi
Carlo Mochi Sismondi Presidente - FPA Biografia

Sono nato nel 1952 a Roma dove vivo, ho due figli di età diversa (20 e 38 anni), sono nonno. All’Università ho scelto Economia e Commercio da ragazzo e Filosofia da adulto con un approfondimento in pedagogia sul recupero dei ragazzi drop-out. Mi sono occupato di marketing, di ricerca, di progetti di privato-sociale, tra cui la realizzazione del primo progetto integrato di lotta alla povertà a Tor Bella Monaca (Roma).

A cominciare dall’autunno del 1989 sono stato l’ideatore e l’animatore del FORUM PA, la più grande ed importante manifestazione europea, espositiva e congressuale, dedicata all’innovazione nella pubblica amministrazione e nei sistemi territoriali giunta ormai alla 28^ edizione nel 2017. Nella mia ormai ultraventennale attività di costruttore e animatore di reti, ho collaborato con 17 Governi (dal penultimo Governo Andreotti al primo Governo Renzi) e con 15 diversi Ministri della Funzione Pubblica, mantenendo una sostanziale terzietà, ma contribuendo a sostenere tutte le azioni innovative che si muovessero verso una PA più snella, più moderna, maggiormente orientata ai risultati e in grado così di restituire valore ai contribuenti e innovazione al Paese.
Ho svolto e svolgo attività didattica presso università e scuole della PA: dalla Scuola Superiore della PA alla Scuola Superiore per la PA locale, al Formez, a vari Istituti pubblici e privati. Ho scritto e scrivo articoli ed editoriali su quotidiani nazionali e riviste specializzate nel campo della comunicazione pubblica e dell’innovazione delle amministrazioni. Nei miei contatti continui con la politica e le amministrazioni a volte perdo la pazienza, mai la speranza.

Chiudi

Intervengono

Agrò
Maria Ludovica Agrò Direttore Generale - Agenzia per la Coesione Territoriale Biografia

Nata a Roma il 26.3.1954. E' sposata ed ha tre figli.

Direttore Generale dell’Agenzia per la coesione territoriale (dal 19 gennaio 2014).

Laureata con lode in Scienze politiche con indirizzo politico-economico-internazionale all’Università La Sapienza di Roma, si è specializzata in “Studi europei”  e in “Soluzione dei conflitti giuridici internazionali” .

Precedenti incarichi
Direttore Generale della Politica Industriale, Competitività e Piccole e Medie Imprese (dal 7 febbraio 2014 al 18 dicembre 2014)
Direttore Generale della Politica Industriale e Competitività MiSE ( dal 9 agosto 2013 al 6febbraio 2014)  
Direttore Generale Politica Regionale Unitaria Comunitaria –Dipartimento Sviluppo e Coesione (16 febbraio 2012-8 agosto 2013)
Direttore Generale dell’Ufficio degli Affari Generali e delle Risorse MiSE (1dicembre 2011-15
febbraio 2012)
Responsabile delle “Politiche di sostegno e promozione dei settori del Made in Italy” e del Punto Nazionale di Contatto OCSE per la Responsabilità Sociale di Impresa nell’ambito della Direzione Generale Politica Industriale e Competitività – MiSE (da agosto 2009 al 30 novembre 2011)
Direttore Generale della Proprietà Industriale -Ufficio Italiano Brevetti e Marchi -Ministero dello Sviluppo Economico (dal 1  gennaio 2008 al 31 gennaio 2009)
Direttore dell’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi – Ministero delle Attività produttive (dal
4 giugno 2002 al 31 dicembre 2007)
Dirigente, come  vincitrice di concorso, dell’Ufficio  dei Marchi  Internazionali  e Comunitari -
Ufficio  Italiano Brevetti e Marchi – Ministero delle Attività produttive (1995-2002)
Funzionario,vincitrice del concorso pubblico per Capo Ufficio Statistica, presso il Ministero dell’Industria, del Commercio e dell’Artigianato (commercio interno e  industrie alimentari
1980 -1995)
Altri incarichi attuali
Membro del Comitato per lo sviluppo delle industrie del settore aeronautico Legge 808/85
Delegato italiano nel Gruppo di alto livello Entreprise Policy presso la Commissione Europea (EPG)
Delegato italiano al Comitato Industria presso l’OCSE  (dal 2009)
Membro del Bureau del Comitato Industria presso l’OCSE (dal 2011)
Co-presidente del gruppo MENA-OCSE per la politica delle PMI e lo sviluppo dell’imprenditorialità e del capitale umano (dal 2010)
Co-Presidente del gruppo di cooperazione industriale e per le alte tecnologie nel
l’ambito del Consiglio di Cooperazione Italia-Russia (dal 2010)

Chiudi

Oliverio
Gerardo Mario Oliverio Presidente - Regione Calabria Biografia

Gerardo Mario Oliverio è nato a San Giovanni In Fiore (CS) il 4 gennaio 1953. Eletto Presidente della Provincia di Cosenza per la coalizione di centrosinistra nel Giugno del 2004 è stato riconfermato dal turno di ballottaggio del 21 e 22 Giugno 2009 con il 56,72% dei voti. Sposato, padre di quattro figli, Antonella, Mara, Laura, Tomas, sin da giovanissimo è stato protagonista dei movimenti studenteschi e delle lotte politiche per il lavoro e lo sviluppo della Calabria. Nel 1980, a soli 27 anni, è eletto consigliere regionale nelle liste del PCI. Nel 1985 è il primo degli eletti nel Consiglio Regionale ed un anno dopo viene nominato Assessore all'Agricoltura della prima Giunta di sinistra della Regione Calabria. Sotto la sua guida l'agricoltura calabrese conosce un notevole dinamismo ed un forte processo d'innovazione e di promozione delle produzioni sui mercati nazionali ed europei. Il mondo agricolo diventa protagonista e partecipe di importanti scelte strategiche nel settore agro-alimentare. Su sua iniziativa vengono approvati importanti programmi e provvedimenti legislativi (programmi di settore, legge di snellimento delle procedure, sull'agriturismo, di sostegno ai giovani agricoltori, di ammodernamento delle infrastrutture rurali, di ricapitalizzazione delle aziende agricole ed altro).Nel 1990 viene eletto Sindaco di San Giovanni in Fiore. Per quattro legislature consecutive (dal 1992 al 2006) è stato eletto Deputato al Parlamento, sempre con altissime percentuali di consenso. Noto per il suo impegno volto alla sviluppo della Calabria, in Parlamento è stato tra l'altro promotore della prima Legge sulla Montagna (Legge 97/94), primo firmatario della legge istitutiva del Parco Nazionale della Sila nonché protagonista assieme ad altri Parlamentari meridionalisti di numerosi provvedimenti a favore del Mezzogiorno (sostegno alle imprese, promozione dell'imprenditoria, Contratti d'Area, credito d'imposta ecc.). E' stato inoltre componente del Consiglio d'Europa. Dal 1997 al 2001 ha anche assunto la carica di Segretario della Federazione Provinciale dei DS e da quella postazione ha ricostruito la coalizione di centrosinistra a sostegno della ricandidatura a Sindaco della città di Cosenza di Giacomo Mancini, dopo un periodo contrassegnato da contrasti e relazioni difficoltose tra il leader socialista ed i partiti di centrosinistra. In quegli anni la città e la provincia di Cosenza furono un vero e proprio laboratorio politico che contò la presenza di leader nazionali. Gerardo Mario Oliverio, del quale sono riconosciuti il rigore morale, la notevole capacità amministrativa, il grande impegno nell'istituzione e le spiccate doti umane, conta su un vasto consenso popolare. Sin dai primi mesi del mandato 2004-2009 si è sempre posizionato in testa ai sondaggi nazionali che rilevano il grado di gradimento e di soddisfazione riservato dai cittadini agli amministratori; quelli resi noti dalle autorevoli indagini EKMA Monitor Provincia e Governance Poll realizzato dalla IPR Marketing per "Il Sole 24 Ore" lo hanno indicato terzo tra tutti i Presidenti delle Province italiane.
Il 23 novembre 2014 è stato eletto Presidente della Giunta regionale con 489.559 voti pari al 61,40%.

Chiudi

Nogarin
Filippo Nogarin Sindaco di Livorno Biografia

Nato a Livorno nel 1970 e laureato in Ingegneria aeorspaziale, ha lavorato come consulente in giro per l'Europa principalmente come project manager. In occasione delle elezioni comunali del 2014 è stato candidato dal Movimento 5 Stelle come sindaco di Livorno. Al primo turno ha ottenuto il 19,01% riuscendo ad accedere al ballottaggio, che ha poi vinto con il 53,06% dei voti contro il candidato del Partito Democratico.

Chiudi

Spanu
Filippo Spanu Assessore degli Affari generali, Personale e Riforma della Regione - Regione Sardegna Biografia

Nato nel 1964, laureato in Scienze politiche all’Università degli Studi di Cagliari nel 1988. Lunga esperienza nel mondo degli scout con competenze nell’ambito socio-educativo Dal 2000 al 2004 e dal 2010 al 2014 Segretario regionale (Direttore) Organizzazione regionale di rappresentanza delle imprese e del lavoro autonomo. Dirigente della Confartigianato. Dal 2004 al 2006 Capo dell’ufficio di Gabinetto dell’assessorato del Bilancio e della Programmazione.

Nel 2007 consulente di Programmazione unitaria 2007-2013 presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri a Roma. Dal 2007 al 2010 consulente di Pianificazione strategica, Programmazione e Sviluppo locale al Comune di Quartu Sant’Elena. Dal 2009 al 2011 coordinatore dell’attività di Pianificazione strategica e di accompagnamento all’attuazione degli interventi sulla programmazione unitaria 2007-2013 alla Provincia di Cagliari. Dal 2009 al 2012 Project manager - Progetti P.O. Marittimo Italia Francia 2007-2013 - Progetti PIMEX e No Far Access per lo sviluppo del trasporto di merci transfrontaliero e per l’accessibilità nei trasporti per le categorie svantaggiate (persone con disabilità) alla Provincia di Cagliari.

Dal 2012 al 2013 docente di Politiche comunitarie all’Università degli Studi di Cagliari. Dal 2014 al 2017 Capo dell’Ufficio di Gabinetto del Presidente della Regione autonoma della Sardegna.

Chiudi

Cavallo
Laura Cavallo Direttore Ufficio II - Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Politiche di Coesione Biografia

Laura Cavallo è il coordinatore dell’Ufficio per la Programmazione operativa presso il Dipartimento per le Politiche di Coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Si è laureata con lode in Economia alla Sapienza, Università di Roma, ha conseguito un Master in Finanza presso il Birkbeck College, Università di Londra e un dottorato in economia e finanza presso l'Università di Tor Vergata (Roma), dove ha collaborato, come docente e ricercatore, dal 1992 al 1999, pubblicando le sue ricerche su riviste italiane e internazionali.   E’ dirigente della Presidenza del Consiglio dal 2000, assunta in esito ad un concorso per alte professionalità in materie economico finanziarie. Nel 2014 è risultata vincitrice del concorso per Direttore dell’Ufficio Accesso alle Infrastrutture presso l’Autorità dei trasporti, dove ha prestato servizio per alcuni mesi. Ha maturato esperienze presso uffici di supporto a Ministri e sottosegretari, in particolare presso la segreteria tecnica del Ministro per gli affari regionali, l’ufficio del Presidente del Consiglio, presso l’ufficio di gabinetto del Ministero dello Sviluppo Economico, come consigliere del Viceministro per i settori Energia e Politica Industriale, ed è stata Capo Segreteria tecnica del Sottosegretario di Stato del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Chiudi

Conclude

De Vincenti
Claudio De Vincenti Ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno
Torna alla home